Poesie e Detti

Guarda monte mosino che bér monte,mira le scrofanese tutte quante,e la più bella cià la stella nfronte.

E quanto vorria mète e meteria e si cè fussi la cupella piena e pane e cacio pè na settimana.

E si sapevo come era lo mète,da piccolino me 'nnavo a fa frate pè nun patì la fame cò la sete.

Questo è lo grano dello pela pela, o grano è brutto e la patrona è nera.

Affacciate mari che nnamo a mète,si nu  mma la voi dà fammela vede.

Bella regazza co la treccia nera c'hai na sarrecchia che pare nà segà, c'hai nà sarrecchia che pare nà sega e nun ce tai manco la verdega.

Co 'sta sarrecchia mia nun te ce mette perchè mela rrotata mazzasette e te ce taio er core a fette a fette.

Bella regazza demece da fare che questa edè a staggione dell'amore doppo trebbiato te portero all'artare.

Prima de sposà a ti, brutto patollo, co sta sarrecchia me ce taio o collo.

Si lo patrone nun cè da lo cacio tutte le gregne ie lleghemo a bucio.

Fior de bbonnanzia me sò magnato tre fette de lonza quanno o corpo sta bè l'anima canta

Ultime Pubblicazioni

  • 10 Maggio 2017

    G.U. n. 10 2017 - Concessione patrocinio non oneroso Ente + uso temporaneo logo + uso temporaneo Casale per manifestazione "In cammino con l'Agraria"
    Leggi l'intera pubblicazione...

  • 10 Maggio 2017

    G.U. n. 9 2017 - Concessione gratuita una tantum uso sala casale universitario per lezione dimostrativa Taiji
    Leggi l'intera pubblicazione...